Translate

mercoledì 1 maggio 2013

Alimentazione BIOLOGICA. Un aiuto per salvare consapevolmente la Madre Terra .

Il Biologico è la vera e sola alternativa alla profonda crisi alimentare che affligge il nostro pianeta.
Quali sono le vere ragioni di questa crisi?
Una cosa è certa: c'è abbastanza cibo per sfamare tutti sulla Terra.
Uno dei problemi più pesanti che portano il bilancio in un "falso negativo" è che i cereali destinati all'alimentazione umana vengono dirottati verso due destini decisamente impropri:
- l'alimentazione animale (zootecnia)
- la produzione di biocarburanti.
Di fronte a questo quadro di falsa necessità l'industria degli OGM si propone come il "principe salvatore", sostenendo che le colture OGM sono la soluzione per risolvere il problema della fame nel mondo e risolvere la crisi. In molte parti del pianeta ce l'hanno fatta e gli OGM sono legalmente introdotti nell'agricoltura, per fortuna in Italia ancora NO!
Che gli OGM possono risolvere il problema della fame nel mondo è l'affermazione più falsa che sia mai stata escogitata dai colossi dell'indstria biotecnologica per acquisire il potere totale sul mondo, al di là di ogni conferma o smentita sulle implicazioni che il consumo di OGM possa avere sulla salute umana e sulla distruzione della biodiversità del pianeta.
Sono le coltivazioni Biologiche diffuse su larga scala la soluzione al problema! Ed i 10 punti seguenti ci chiariscono i motivi per cui il BIOLOGICO è meglio.
1) RESE PRODUTTIVE PIU' ELEVATE. In Brasile sono state raddoppiate le rese delle coltivazioni di mais e frumento; in Messico le produzioni di caffè sono incrementate del 50% ma il dato generale è che la resa media delle produzioni agricole che adottano il biologico è del 64% e i paesi che ne trarranno i maggiori benefici sono quelli meno industrializzati. Se in partenza le colture industrializzate e sostenute con i pesticidi ed i concimi chimici hanno più sprint, a lungo andare i terreni si impoveriscono e le colture diminuiscono drasticamente le rese e conducono alle desertificazioni; un netto sorpasso alla lunga da parte delle rese dell'agricoltura Biologica.

2) MENO ENERGIA FOSSILE CONSUMATA. Per produrre 1 caloria sotto forma di cibo, l'agricoltura convenzionale consuma 10 calorie di petrolio, mentre l'agricoltura Biologica ne consuma il 25% in meno e questo valore può migliorare se si considera che si possono usare sistemi per il risparmio energetico e la scelta di canali di vendita a livello locale che fanno risparmiare i consumi dei lunghi trasporti delle catene di vendita convenzionali. Si tenga conto anche dei disastri ecologici e dei costi correlati alle dispersioni di petrolio in mare dovute agli incidenti delle petroliere (ne abbiamo visti a non finire e abbiamo visto gli effetti sulla flora e fauna marina e terrestre).

3) MENO GAS SERRA IMMESSI IN ATMOSFERA. Le produzioni dei fertilizzanti chimici come il Nitrato d'Ammonio, il fertilizzante più usato in agricoltura convenzionale, causano notevoli emissioni industriali di gas serra (è stato calcolato che già nel 2003 fosse pari al 10% del totale delle immissioni ambientali dei gas serra in Europa da parte delle industrie). Questo si può evitare, ma in più l'agricoltura biologica arricchisce le sostanze organiche del suolo, queste imprigionano il carbonio nel terreno impedendo il rilascio di CO2 nell'atmosfera. Doppio effetto!

4) MENO CONSUMO DI ACQUA. Il dominio delle produzioni agricole di mais, frumento e riso comporta un consumo del 72% del totale fabbisogno di acqua dolce del pianeta Terra. L'agricoltura Biologica necessita di meno acqua perché i concimi organici e la pacciamatura stimolano i processi di mineralizzazione e aumenano il contenuto di sostanza organica del suolo che trattiene l'acqua.

5) PIU' CIBO DI PRODUZIONE LOCALE. Si calcola che mediamente gli ingredienti di un pasto medio, per arrivare sulla nostra tavola percorrono 1900 Km. L'agricoltura Biologica promuove il cibo locale e il consumo locale riducendo al massimo i trasporti per la distribuzione (Km 0) con un impatto ambientale inferiore; si tenga conto che questo promuove anche il consumo di alimenti di stagione con un impatto positivo sulla salute delle persone.

6) AZZERAMENTO DEI PESTICIDI. Negli ultimi 50 anni il numero dei diversi pesticidi prodotti è passato da 22 a oltre 450, con un numero di morti accidentali per esposizione o avvelenamento stimate attorno ai 20.000 all'anno. In agricoltura Biologica non si utilizzano pesticidi di sintesi perché una pianta sana in un terreno sano è più resistente agli attacchi dei parassiti.

7) RIDUZIONE DELL' IMPATTO AMBIENTALE. L'Agricoltura occupa gran parte del territorio (in Italia il 44%) quindi ha una grande influenza sull'ambiente. Le monoculture e le tecniche agricole intensive hanno portato dal '62 ad oggi una diminuzione media del 30% degli uccelli di campagna e altre specie animali e vegetali. L'agricoltura Biologica fortifica la biodiversità per mantenere la fertilità dei suoli e sostenere il controllo naturale dei parassiti.

8) AUMENTO DEL VALORE NUTRIZIONALE DEGLI ALIMENTI. I prodotti biologici contengono livelli di elementi nutritivi essenziali superiori e meno nitrati che possono essere tossici per l'organismo. Ne risulta un aumento dello stato di salute e una diminuzione dei costi per la sanità per il miglioramento delle capacità individuali di combattere le malattie.

9) SALVAGUARDIA DELLE VARIETA' LOCALI. L'agricoltura intensiva si basa su una elevata specializzazione e sulla coltivazione di un numero ristretto di specie vegetali, portando alla sparizione di numerose varietà locali e antiche. L'agricoltura Biologica invece promuove la biodiversità e valorizza specie e varietà locali

10) INCREMENTO DEI POSTI DI LAVORO. Negli ultimi 10 anni sono scomparse alcune centinaia di migliaia di aziende agricole a causa dell'industrializzazione dell'agricoltura. L'agricoltura Biologica crea nuovi posti di lavoro e favorisce un ritorno alle campagne in favore di una vita più salutare.


Purtroppo un solo articolo non permette di approfondire ognuno di questi 10 punti che meriterebbero singolarmente ben altri spazi e importanza. Credo comunque di aver dato almeno un po' più di consapevolezza di quali sono i punti forza che l'Agricoltura Biologica può vantare a suo vantaggio rispetto a quella convenzionale; con questo spunto credo che ognuno abbia del materiale perchè possa approfondire i singoli argomenti e quelli che eventualmente si possono aggiungere. Credo infatti che ognuno ne possa sicuramente trovare altri in funzioni dei propri credi e della propria cultura; è uno sforzo che credo sia da fare per il futuro nostro e del pianeta.