Translate

mercoledì 17 giugno 2015

DEPURAZIONI: un principio essenziale per capire la necessità di depurarsi

PERCHE' E' LA DEPURAZIONE E' IMPORTANTE

Spesso mi sento rivolgere la seguente domanda: perchè dovrei depurarmi?
Nel mio ARTICOLO PRECEDENTE ho cercato di spiegarlo, ma il principio di base, secondo cui è importante assicurarsi che il nostro corpo mantenga un buono stato di salute, è come sempre un principio di EQUILIBRIO.
Il principio Naturopatico di Salute si fonda su una legge di equilibrio tra la Velocità di Accumulo di Tossine e la Velocità di Eliminazione delle Tossine stesse: quando l'eliminzione delle tossine da parte del nostro corpo (attraverso l'attività di "filtro" degli Organi Emuntori) avviene in modo tale da non creare un accumulo di queste tossine, il nostro corpo sarà in stato di salute. Nello stato di salute non ci saranno manifestazioni di disagi, sintomi o malattie, salvo per periodi limitati in cui il nostro corpo metterà in atto quei meccanismi utili per risolvere eventuali situazioni di allarme.
In tutti i casi in cui ci troviamo a manifestare qualche sintomo, soprattutto se cronico o ricorrente, significa che l'EQUILIBRIO si è rotto ed occorre fare qualcosa per ripristinarlo.

IL PRINCIPIO ALLA BASE DELLA SALUTE


UN ESPERIMENTO SCIENTIFICO DIMOSTRA CHE LA SALUTE DIPENDE DALLA DEPURAZIONE DALLE TOSSINE
Per rendere meglio l'idea di quanto questo equilibrio sia importante per la vitalità e la salute delle cellule del nostro corpo, vorrei portare come esempio ciò che alcuni scienziati hanno fatto molti anni fa, dimostrando, a mio avviso, che la vita delle cellule può essere molto più lunga di quanto si possa pensare. L'esperimento consistette nel mantenere una coltura di cellule in vitro, facendo in modo di alimentarle con un liquido fisiologico di nutrimento e, attraverso frequenti ricambi di questo liquido, asportando tutte le tossine metaboliche che le cellule riversavano nel liquido come scarti. Con questa tecnica le cellule vissero per alcuni anni (30) e per un tempo molto più lungo (7 volte di più) di quello che gli scienziati si aspettassero; l'esperimento si interruppe per un piccolo inconveniente: la dimenticanza, da parte di uno degli sperimentatori, di cambiare il liquido fisiologico, causando l'accumulo delle tossine nell'ambiente dove le cellule vivevano e la conseguente morte delle stesse.
Lo scienziato che misero in atto questo esperimento era Alexis Carrel, ed era il 1012; vinse il Premio Nobel ma di questo abbiamo dovuto dimenticarcene, hanno fatto in modo che non se ne parlasse molto perchè il significato dei risultati ottenuti potrebbe sconvolgere non solo le aspettative di vita in salute degli esseri umani, ma potrebbe mandare a picco le casse della Sanità che inutilmente spreca bilioni di dollari/euro per mantenerci in vita con molecole chimiche.
I risultati di questo esperimento ci suggeriscono che qualsiasi colonia di cellule viventi (quindi anche quelle del nostro corpo) può vivere in piena salute e a lungo se i sistemi a disposizione per allontanare le tossine funzionano bene; quindi, visto che i sistemi di depurazione fisiologici degli organismi viventi sono deputati all'eliminazione/allontanamento delle tossine, dobbiamo necessariamente essere convinti che se questi sistemi funzionano e ci liberano completamente dalle tossine che produciamo, o introduciamo nel nostro corpo, lo stato di salute sarà la normale condizione in cui ci troveremo per lungo tempo, fino a quando i sistemi di depurazione funzioneranno a dovere.

L'IMPORTANTE E' AVER CAPITO QUESTO PRINCIPIO
Se questo principio, e la dimostrazione scientifica a supporto, sono chiari, dobbiamo accettare il fatto che se stiamo soffrendo di una qualsiasi "malattia" o "disturbo" o "sintomo", significa che il nostro sistema di eliminazione delle tossine non sta funzionando a dovere: in questo caso riconosciamo che è venuto il momento di fare qualcosa per quella grande comunità di cellule che compongono il nostro corpo e tentano di fare al meglio il loro dovere.

E SE ANCORA NON E' CHIARO, ECCO UN ESEMPIO CONCRETO
Un esempio concreto che questo principio non è filosofia, ci viene dalla necessità per molte persone nell'essere sottoposte alla tecnica di DIALISI. Questa tecnica, purtroppo molto utilizzata nelle strutture sanitarie, supporta le persone che hanno una bassa o nulla funzionalità dei Reni. I Reni sono organi Emuntori Primari, sono a tutti gli effetti dei veri e propri filtri che servono a depurare il nostro corpo dalle tossine che si accumulano. Le persone "dializzate" non potrebbero sopravvivere se periodicamente non si sottoponessero alla "PULIZIA DEL SANGUE" mediante la tecnica della Dialisi. E' questo un esempio concreto del fatto che l'accumulo di tossine nel nostro corpo diventa inevitabilmente fatale quando raggiunge determinati limiti; proprio come ho spiegato più sopra, in questo caso diventa evidente lo squilibrio che si crea quando, l'alimentazione non è seguita da una depurazione naturale dalle tossine, anche se queste tossine sono di pura e semplice origine endogena (il nostro stesso metabolismo).


LA GRANDE ILLUSIONE DELLA SFORTUNA CHE STA ALLA BASE DELLA MALATTIE
Negli ultimi tempi abbiamo avuto anche la bella sorpresa di una notizia diffusa dai media televisivi che ha, a dir poco, del ridicolo, così come in effetti è tutto il sistema che governa la sperimentazione scientifica odierna, volta più che altro a trovare rimedi sintomatici e che non concludono mai nulla, salvo un gran mucchio di soldi che si infilano nelle tasche delle multinazionali farmaceutiche, che non hanno nessun interesse a scoprire qualcosa che curi definitivamente una malattia.
La notizia riguardava la genesi del Cancro, che, stando agli sciagurati che l'hanno diffusa, sarebbe dovuto alla sfortuna; il tutto supportato da dati scientifici che riguarderebbero meno di 10 persone! Veramente ridicolo!
Per smettere di affidarci alla BUONA o alla MALA SORTE, dobbiamo prenderci cura del nostro corpo in maniera scientifica, quella vera: alimentarci in modo corretto e sano e fare in modo che dentro di noi le tossine non si accumulino e creino danni.