Translate

mercoledì 14 giugno 2017

VEGANESIMO: splendido ma .... perchè non è garanzia di salute?

Sono Vegano, Crudista all'80%: soluzione perfetta per uno che in cucina non ci sa fare! 
Ci pensa la natura a preparare per me, e non le industrie alimentari, ma scelgo Biologico e cerco di comperare nel mio territorio, prodotti freschi e più vicini a me; coltivo un orto con gli ortaggi di stagione che non mi impegnino troppo, ma lo faccio con passione nel tempo che ho a disposizione.
Non ho gusti particolari e mangio non per il semplice gusto di mangiare ma per un motivo molto più importante: NUTRIRMI.
Di alimentazione legata alla salute ne ho ampiamente parlato e scritto (anche in questo Blog a partire dal 2013) e per fortuna non è solo un pensiero mio e sempre di più tale connubio sta portando molta gente a prendere consapevolezza del proprio stile di vita e diventare responsabili della propria salute.
Il Veganesimo è uno stile alimentare molto apprezzato e sempre più in espansione, dal punto di vista dei consensi e delle adesioni; molti si avvicinano al Veganesimo come ultima spiaggia perchè non sanno più che pesci pigliare per guarire, per stare meglio, per smettere di soffrire del male sociale che è una credenza consolidata: le migliaia di malattie cui siamo soggetti come esseri umani.
Da qui non si staccano più salvo qualche eccezione, perchè quando si sta bene è difficile cambiare per andare a stare peggio.
Vorrei però sfatare un mito nei confronti del Veganesimo: Vegano non significa automaticamente senza Malattie. Sarebbe troppo bello!
Tuttavia il Veganesimo è il punto di inizio di un percorso, decisamente CONSAPEVOLE, che può condurre alla perfetta salute e longevità in salute senza dipendenze da farmaci e terapie di qualsiasi tipo.
Ci sono e ci saranno sempre attacchi ed esperienze di chi vuole screditare questo stile di vita nutrizionale; chi lo fa è attratto da interessi personali (un macellaio o salumiere non lo sosterrà mai pubblicamente).
Veniamo al punto: perchè un Vegano qualsiasi non può avere la garanzia di essere in salute, non avere disturbi e disequilibri che possano compromettere il suo benessere?
Ammettiamo che io mangi solo riso. Sarei un Vegano perfetto! Ma potrei vivere a lungo mangiando da Vegano solo riso? NOOOOOOO !!!! Ovviamente.
Questo l'ho scritto semplicemente per introdurre un concetto importante: l'equilibrio nell'assunzione di nutrienti è fondamentale!
Non starò certo qui ad elencare nel particolare quali sono gli alimenti necessari per mantenere un perfetto equilibrio, forse ognuno di noi ha un proprio elenco di alimenti; mi limito a dire che Vitamine, Minerali, Oligoelementi, Acidi Grassi essenziali, proteine, carboidrati e pochi grassi saturi, sono tutti necessari e pertanto occorre avere un "parco" di alimenti tale che ne siano contenuti tutti. Anche una Alimentazione Vegana deve dunque essere tale per cui tutti questi elementi vengano assicurati al nostro corpo e nelle quantità idonee a mantenere una struttura e una funzionalità metabolica completa e commisurata al nostro stile di vita, al nostro lavoro, alla nostra attività fisica.
In generale, ma molto in generale, una alimentazione varia e ricca di Vegetali all'80% (Verdura in primis e Frutta) preferibilmente crudi e il 20% di Cereali, Semi, Legumi (distribuiti tutti nel 20%) è un mix ipoteticamente ideale per mantenere in salute un organismo.
Ci sono molte variabili che possono compromettere la bontà di questa alimentazione: cotture, conservazione dei cibi crudi, poco utilizzo di germogli, consumo abitudinario degli stessi cibi, e troppi legumi oltre al mancato rispetto del bilancio 80/20 possono compromettere un apporto ideale dei nutrienti.
Oltre a tutto questo ci sono anche altri aspetti che sono complementari e devono essere rispettati al fine di avere un risultato ottimale nella conservazione della buona salute: stile di vita, attività fisica, stress fisico e mentale, emozioni e pensieri negativi (che sono essi stessi delle tossine).
La Vitamina B12? E' vero e forse l'unico elemento che occorre tenere sotto controllo.
Ahahaaaaa! allora c'è qualcosa che non va nel Veganesimo! No, c'è qualcosa che non va nell'essere umano che per vari motivi non riesce ad assorbire correttamente questa Vitamina (il fattore di assorbimento intestinale ad esempio può non funzionare perchè ci siamo abituati a qualcosa che lo ha compromesso; la nostra flora batterica intestinale ottimo produttore di B12 è compromessa per cattiva alimentazione); quanti Onnivori sono anemici per mancanza di B12 dovuta a questo motivo?
Sono convinto che nel tempo l'uomo abbia "mutato" la sua capacità di produrre e assorbire questa Vitamina, d'altra parte mi risulta difficile pensare alle MUCCHE ANEMICHE! eppure carne (ricca di B12, non ne mangiano, tanto meno quella dei loro vitellini!). Però hanno la capacità di produrne in abbondanza.
Per ultimo voglio accennare ad un libro scritto recentemente da Lierre Keith (Cosa mi insegnato essere Vegana) che non fa una buona pubblicità al Veganesimo. Contestatissima dai vegani integralisti, l'autrice racconta di come si sia ammalata durante il suo essere Vegana. Bene, un esperienza di vita che forse nasconde tanti ma tanti ERRORI alimentari seppure nell'ambito della scelta dei cibi vegani. Come ho detto prima, se mangio solo riso sono un perfetto vegano ma con molta molta e molta probabilità (e qui è pura certezza) mi ammalerò.