Translate

domenica 16 febbraio 2014

Evoluzione spontanea: una storia d'amore universale - Bruce Lipton

Non posso fare a meno di condividere queste poche ma preziose righe che sono l'introduzione del libro EVOLUZIONE SPONTANEA di Bruce Lipton e Steve Bhaerman.

Un libro che sto iniziando a considerare come una Bibbia dei nostri giorni, un riferimento per chi vuole capire da dove davvero veniamo, perché siamo qui e quale sarà il nostro futuro, se davvero lo vogliamo e lo vogliamo creare per garantirci un ulteriore "atto" alla nostra sopravvivenza sul pianeta Terra.
Un libro che ci offre gli strumenti, supportati da riscontri scientifici, per capire il passato e affrontare il futuro con le scelte consapevoli che ci porteranno al prossimo passo evolutivo.

"UNA STORIA D'AMORE UNIVERSALE
Questa è una storia d'amore. Una storia d'amore per l'intero Universo: per voi, per me e per ogni organismo vivente.
Il Primo Atto ha inizio miliardi di anni fa, quando un'onda di luce proveniente dal sole è andata a collidere contro una particella di materia. Quella scintilla d'amore tra Padre Sole e Madre Terra diede nascita a una figlia su questo sferoide turchese. Quella figlia precoce, chiamata vita, fin dall'inizio fece della Terra il suo terreno di gioco, moltiplicandosi in una infinita serie di magnifiche forme. Alcune di tali forme sono ancora oggi tra noi, ma molte di più si sono estinte e nessuno ne saprà mai niente.
Il sipario si è alzato sul Secondo Atto di questa storia d'amore all'incirca settecento milioni di anni fa, quando certi organismi unicellulari decisero che erano stufi della vita da single. Rendendosi conto di non poter vivere da soli, essi si rivolsero l'uno all'altro e dissero (qualunque sia il linguaggio primordiale parlato dalle cellule single): << Baby, ho bisogno del tuo amore >>. Fu così che venne alla luce l'organismo pluricellulare.
Il Terzo Atto è iniziato più di un milione di anni fa, quando gli organismi pluricellulari si sono evoluti nei primi esseri umani consapevoli comparsi sulla scena. Con la coscienza, la vita fu in grado di osservare se stessa, riflettere e creare il proprio futuro; fu anche in grado di sperimentare e apprezzare l'amore e la gioia, e addirittura ridere di se stessa e, alla fine scrivere libri come quello che avete fra le mani.
L'Atto Quarto percorre l'evoluzione delle tribù umane che unirono le loro forze e suddivisero il mondo in stati nazione. Al presente noi ci troviamo vicini agli istanti conclusivi di questo atto, a domandarci se la recita non termini qui, come una tragedia greca che va sempre a finire male. Se si guarda il nostro caotico mondo della disfunzione umana e della crisi ambientale, sembriamo destinati verso un inevitabile disastro. Ma per nostra fortuna i Greci avevano anche rappresentazioni teatrali di cinque atti, che erano commedie piene di riso, di gioia, felicità e amore.
Evoluzione spontanea è una storia che parla di come possiamo passare sani e salvi dal Quarto al Quinto Atto. La buona notizia è che la biologia e l'evoluzione sono dalla nostra parte.
In ogni organismo vivente c'è un'innata spinta alla sopravvivenza, nota alla scienza come imperativo biologico. Al contrario di quanto la scienza convenzionale e la religione ci hanno sempre detto, l'evoluzione non è né casuale né predeterminata, ma è piuttosto una intelligente danza tra gli organismi e l'ambiente. Quando le condizioni sono mature, sia attraverso la crisi che attraverso l'opportunità, accade qualcosa d'imprevedibile che porta la biosfera a un nuovo equilibrio su un livello superiore di coerenza. Mentre spesso percepiamo i casi di remissione spontanea come guarigioni miracolose che avvengono per grazia di Dio, se osserviamo un po' in profondità, vediamo qualcos'altro all'opera: molto spesso questi fortunati individui partecipano attivamente alla propria guarigione compiendo, consciamente o inconsciamente, un cambiamento cruciale e significativo nelle loro credenze e nel loro comportamento.
Ecco dunque la cattiva notizia e la buona notizia. La storia della vita umana sulla terra deve ancora essere determinata. Se ci sarà mai un Quinto Atto, dipenderà da noi esseri umani a compiere dei cambiamenti e dalla nostra capacità di compierli in tempo.
Per millenni i nostri insegnati spirituali ci hanno diretti verso l'amore. Ora la scienza sta confermando quell'antica saggezza, Noi siamo ogni singola cellula e tutte le cellule del corpo di un super-organismo gigante in evoluzione che chiamiamo Umanità. Dal momento che gli esseri umani sono dotati di libero arbitrio, possiamo scegliere se elevarci a quel nuovo livello emergente o, come i dinosauri, sparire dalla circolazione.
Le religioni che hanno avuto origine dalla culla della civiltà, la Mezzaluna Fertile, che è il moderno Iraq (il quale, ironicamente, rischia ora di essere la tomba della civiltà), hanno tutte posseduto la nozione della redenzione attraverso un salvatore. In questo senso la venuta del Messia nell'Atto Quinto trasformerà la rappresentazione della vita in una commedia umana.
Tutte le buone commedie hanno bisogno di una facezia: ecco, quindi, la battuta conclusiva: noi siamo la risposta alle nostre preghiere."
(Tratto da: Evoluzione spontanea - Bruce Lipton e Steve Bhaerman - Macro Edizioni)