Translate

giovedì 14 febbraio 2013

Dedicato a Catherine Kousmine

Dr.ssa Catherine Kousmine
Non so se l'apertura di un blog si dedica a qualcosa o a qualcuno, io lo faccio perchè a questa donna, la Dottoressa Catherine Kousmine, devo molto anche se non l'ho mai conosciuta.
Non avrei potuto cominciare senza questa dedica. 
Per chi ancora non ha avuto il piacere di conoscere chi era, la Dottoressa Kousmine, di origine russa e naturalizzata svizzera, vissuta tra il 1904 e il 1992, era laureata in Matematiche speciali a Losanna, preparando così la sua formazione logica che sicuramente le servì per il prosieguo della sua carriera come medico di successo; infatti nel 1928 ottenne anche il diploma professionale federale della Facoltà di Medicina di Losanna e dal '36 al '46 svolse ricerche sul progressivo diffondersi delle malattie degenerative prima con il Prof. Guido Fanconi, di fama internazionale, e successivamente per proprio conto. In questo secondo periodo giunse all'intuizione fondamentale per cui diventò "famosa": l'alimentazione può essere utilizzata come terapia per riportare in equilibrio un corpo minacciato o distrutto dagli elementi tossici e inquinanti presenti nel mondo moderno. Ci pensi? a quei tempi di cosa già parlava un genio come la Kousmine? Sai come arrivò alla sua intuizione dettata dalla sua logica acquisita con i suoi studi matematici? Eccovi una breve storia che vi chiarirà le idee

Per le sue ricerche Catherine utilizzava topi di laboratorio, in particolare topi predisposti a sviluppare il cancro. Aveva ordinato ad una ditta fornitrice, (si, di quelle che ti forniscono animali da laboratorio per eseguire esperimenti!) appunto, dei topi che una volta sviluppato il tumore le sarebbero serviti per eseguire i suoi esperimenti (a quei tempi non c'erano gli animalisti?); purtroppo i tempi anche per lei erano abbastanza "grigi" e una volta arrivata la partita di topi ordinata, si ritrovò a fare i conti con le proprie finanze e per risparmiare sull'acquisto dell'apposito mangime industriale le venne la splendida idea di nutrire i topi con alimenti comuni come il pane e le verdure che poteva facilmente recuperare senza spendere soldi anche dagli amici. I topi mangiavano ma non facevano il loro dovere: non sviluppavano il cancro! Catherine allora si rivolse alla ditta fornitrice reclamando il fatto anomalo: "questi topi sono difettosi, non sviluppano il cancro!". La ditta spedì a Catherine una seconda partita in sostituzione di quella difettosa. Allo stesso modo i nuovi topini vennero nutriti come i precedenti. Ahimè, anche questo secondo gruppo, nutrito come il primo, non sviluppò il cancro. Catherine reclamò per la seconda volta ed ottenne una terza partita di topi dello stesso tipo. La sua mente logica stava già funzionando e stavolta si comportò diversamente dalle volte precedenti: metà dei topi furono nutriti con il cibo naturale e l'altra metà con mangime industriale. Non stento a credere che hai già intuito cosa successe!: i topi nutriti con il mangime industriale svilupparono il cancro mentre quelli nutriti con pane e verdure NO! Ci siamo? Di fronte ad un tale evento Catherine non poteva che cavalcare questa scoperta e giunse nel tempo a stabilire il suo Metodo di cura dalle malattie degenerative che ancora oggi è noto come Metodo Kousmine e che io ho conosciuto grazie al suo libro "Salvate il vostro corpo". Stavolta l'intuizione la ebbi io: ero affetto dalla Psoriasi (sei anche tu tra i 2 milioni di Italiani che soffrono di psoriasi? spero di no, nel caso ... niente paura!) e non ne potevo più; grazie ad una serie di coincidenze (non ci credo alle coincidenze! e tu?) incrociai il titolo di questo libro (su una rivista del settore erboristico ed ebbi la folgorazione: questo libro mi può aiutare! lo acquistai e fu così.
Seguimi per sapere come è andata, ho tante cose da condividere! Se nel frattempo hai domande o commenti su questo articolo.... eccomi qui.
Per il momento: GRAZIE  CATHERINE!
A Presto, Massimo 

"Salvate il vostro corpo - Prevenire e guarire le malattie moderne intervenendo sulle abitudini alimentari"